FANDOM


I Grateful Dead sono stati una formazione californiana nata nel ’65 a San Francisco, dall’unione dei chitarristi Jerry Garcia e Bob Weir insieme al bassista Phil Lesh, al tastierista Ron “pigpen” McKernan e al batterista Bill Kreutzmann

IniziModifica

Formatisi alla corte di Ken Kesey durante gli Acid Test, si concentrano prima di tutto nell’attività live.

L'esperienza psichedelicaModifica

Sotto contratto con la Warner Bros. Fecero uscire nel 1967 il loro primo album, eponimo: Grateful Dead è però ancora acerbo e legato al filone garage. L’anno successivo esce Anthem of the Sun, caratterizzato dall’ibridismo live/studio, risultando però un’ opera non del tutto riuscita.Di rilievo l’ingresso del secondo batterista Mickey Hart e del secondo tastierista Tom Constanten, che lascerà la band due anni dopo. Nel 1969 esce Aoxomoxoa , dove il gruppo tenta di dar forma a canzoni dalla struttura più ragionata. Risale a quest'album L'ingresso di Robert Hunter come paroliere ufficiale del gruppo per i seguenti 25 anni. La prima parte della loro carriera si conclude con il loro album più apprezzato,il live Live/dead, composto da 2 dischi e pietra miliare della musica.

La svolta country-folkModifica

Con la fine dei ’60 e dell’illusione hippie il gruppo vira verso sonorità più morbide: escono nell’arco di un solo anno “Workingman’s Dead” e “American beauty”, splendidi album country rock. Per motivi non legati alla musica, ma economici (il padre scapperà con i soldi della band) Mickey Hart abbandoneràil gruppo. Nel 1973 però avviene la disgrazia: il tastierista “Pigpen” muore per problemi al fegato; viene sostituito dal pianista Keith Godchaux, che si porta dietro anche la moglie Donna, per sostenere la parte vocale. Lo stesso anno escono, sotto la loro etichettata personale, “Wake of the flood” e “From Mars hotel”, caratterizzati dalla nuova formazione e dall’utilizzo di altri vari strumenti (quali a fiato).

Scioglimento e ritornoModifica

Dopo una momentanea “pausa di riflessione” la band si riunisce nel ’75, col ritorno di Hart e da alle stampe l’album “Blues for Allah”, eccentrico disco che esplora nuove sonorità. Nel ’77 esce “terrapin Station”, disco orientato anche verso sonorità “progressive”. L’ultimo disco con questa formazione è del 1978: è il largamente “disprezzato” “Shakedown street” , dalle sonorità dance.:in seguito a questo, la coppia Godchaux preferì lasciare il gruppo e fu sostituita dal tastierista Brent Mydland. Gli anni ’80 sono caratterizzati da una fase di stanca circa gli album in studio,lasciando però lo spazio alla continua e intensa attività live. In tutto il decennio faranno uscire solo tre album in studio: “Go to heaven” (1980), “In the dark” (1987) e l’ultimo album della band, “Built to Last” (1989).

Ultimi anniModifica

Ma le disgrazie continuano ad abbattersi sulla band: nel ’91 il tastierista Mydland perde la vita in seguito a un overdose. Purtroppo, il leader e immagine del gruppo, Jerry Garcia perde la vita nel 1995, tentando di disintossicarsi:il gruppo si scioglie immediatamente e i componenti del gruppo si dedicano ai corrispettivi progetti solisti. Fondamentali per capire il “sound” del gruppo sono i numerosissimi live che ancora oggi escono senza sosta.

FormazioniModifica

  • (1965-1967)
    • Jerry Garcia - Chitarra, voce
    • Bob Weir - Chitarra, voce
    • Ron "Pigpen" McKernan - Tastiere, armonica, voce, percussioni
    • Phil Lesh - Basso, voce
    • Bill Kreutzmann - Batteria
  • (1967-1968)
    • Jerry Garcia - Chitarra, voce
    • Bob Weir - Chitarra, voce
    • Ron "Pigpen" McKernan - Tastiere, armonica, voce, percussioni
    • Phil Lesh - Basso, voce
    • Bill Kreutzmann - Batteria
    • Mickey Hart - Batteria
  • (1968-1970)
    • Jerry Garcia - Chitarra, voce
    • Bob Weir - Chitarra, voce
    • Ron "Pigpen" McKernan - Tastiere, armonica, voce, percussioni
    • Tom Constanten - Tastiere
    • Phil Lesh - Basso, voce
    • Bill Kreutzmann - Batteria
    • Mickey Hart - Batteria
  • (1970-1971)
    • Jerry Garcia - Chitarra, voce
    • Bob Weir - Chitarra, voce
    • Ron "Pigpen" McKernan - Tastiere, armonica, voce, percussioni
    • Phil Lesh - Basso, voce
    • Bill Kreutzmann - Batteria
    • Mickey Hart - Batteria
  • (1971)
    • Jerry Garcia - Chitarra, voce
    • Bob Weir - Chitarra, voce
    • Ron "Pigpen" McKernan - Tastiere, armonica, voce, percussioni
    • Phil Lesh - Basso, voce
    • Bill Kreutzmann - Batteria
  • (1971-1972)
    • Jerry Garcia - Chitarra, voce
    • Bob Weir - Chitarra, voce
    • Ron "Pigpen" McKernan - Tastiere, armonica, voce, percussioni
    • Keith Godchaux - Pianoforte
    • Phil Lesh - Basso, voce
    • Bill Kreutzmann - Batteria
  • (1972)
    • Jerry Garcia - Chitarra, voce
    • Bob Weir - Chitarra, voce
    • Ron "Pigpen" McKernan - Tastiere, armonica, voce, percussioni
    • Keith Godchaux - Pianoforte
    • Donna Godchaux - Voce
    • Phil Lesh - Basso, voce
    • Bill Kreutzmann - Batteria
  • (1972-1974)
    • Jerry Garcia - Chitarra, voce
    • Bob Weir - Chitarra, voce
    • Keith Godchaux - Pianoforte
    • Donna Godchaux - Voce
    • Phil Lesh - Basso, voce
    • Bill Kreutzmann - Batteria
  • (1975-1979)
    • Jerry Garcia - Chitarra, voce
    • Bob Weir - Chitarra, voce
    • Keith Godchaux - Pianoforte
    • Donna Godchaux - voce
    • Phil Lesh - bass guitar, voce
    • Bill Kreutzmann - Batteria
    • Mickey Hart - Batteria
  • (1979-1990)
    • Jerry Garcia - Chitarra, voce
    • Bob Weir - Chitarra, voce
    • Brent Mydland - Tastiere, voce
    • Phil Lesh - Basso, voce
    • Bill Kreutzmann - Batteria
    • Mickey Hart - Batteria
  • (1990-1992)
    • Jerry Garcia - Chitarra, voce
    • Bob Weir - Chitarra, voce
    • Bruce Hornsby - Pianoforte, tastiere, fisarmonica, voce
    • Vince Welnick - Tastiere, voce
    • Phil Lesh - Basso , voce
    • Bill Kreutzmann - Batteria
    • Mickey Hart - Batteria
  • (1992-1995)
    • Jerry Garcia - Chitarra, voce
    • Bob Weir - Chitarra, voce
    • Vince Welnick - Tastiere, voce
    • Phil Lesh - Basso, voce
    • Bill Kreutzmann - Batteria
    • Mickey Hart - Batteria

DiscografiaModifica

(nota: per contenere l'eccessivo numero di dischi del gruppo vengono considerati solo i dischi propriamente ufficiale e quindi non i vari "dick's picks" e simili)

  • 1967 The Grateful Dead
  • 1968 Anthem of the Sun
  • 1969 Aoxomoxoa
  • 1969 Live/Dead (Live)
  • 1970 Workingman's Dead
  • 1970 American Beauty
  • 1971 Grateful Dead (alias Skull & Roses) (Live)
  • 1972 Europe '72 (Live)
  • 1973 History of the Grateful Dead :Volume One (Bear's Choice) (Live)
  • 1973 Wake of the Flood
  • 1974 Grateful Dead from the Mars Hotel
  • 1975 Blues for Allah
  • 1976 Steal Your Face (Live)
  • 1977 Terrapin Station
  • 1978 Shakedown Street
  • 1980 Go to Heaven
  • 1981 Reckoning (Live)
  • 1981 Dead Set (Live)
  • 1987 In the Dark
  • 1989 Dylan & The Dead (Live) (i Dead accompagnano Dylan suonando i pezzi del cantautore)
  • 1989 Built to Last
  • 1990 Without a Net (Live)

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Inoltre su FANDOM

Wiki casuale